Home
Sei Qua: Home » Approfondimenti » La storia Crociata di Giovanni Manzani, invisibile colonna portante del Settore Giovanile, che ha creduto nell’idea sportiva di Parma Calcio 1913

La storia Crociata di Giovanni Manzani, invisibile colonna portante del Settore Giovanile, che ha creduto nell’idea sportiva di Parma Calcio 1913

La storia Crociata di Giovanni Manzani, invisibile colonna portante del Settore Giovanile, che ha creduto nell’idea sportiva di Parma Calcio 1913

Nella storia e nella vita di un club di pallone, come in ogni realtà, esistono colonne portanti, rilevanti ed essenziali, ma invisibili. Fondamenta, che con il loro lavoro oscuro, dietro le quinte, sorreggono un’intera struttura.

Nel Settore Giovanile della prima società calcistica di Parma, che oggi ha presentato il corso della sua rinascita sotto le vesti di Parma Calcio 1913, coordinato dalla nuova responsabilità affidata, dopo le esperienze da mister, a Fausto Pizzi, mantenendo gran parte di allenatori e collaboratori tecnici (si sono aggiunti gli ex Crociati Stefano Morrone e Simone Barone) e metà (circa un centinaio) di giocatori, tutti espressione del territorio, il pilastro che sostiene nell’ombra risponde al nome di Giovanni Manzani, segretario forgiato nel ruolo da cinque anni della direzione di Francesco Palmieri.

Dopo esser stato nel vivaio Crociato, prima promessa degli Anni Novanta (classe 1977) proveniente dal Milan Club Langhirano, il suo paese, centrocampista della Primavera preparata da Walter Salvioni, compagno di Gianluigi Buffon e dello stesso Barone, seconda nel 1996 al Torneo di Viareggio dietro al Brescia di Andrea Pirlo, Emiliano Bonazzoli, Roberto Baronio, Daniele Bonera e Aimo Diana, e poi istruttore dei bambini della scuola calcio soppiantata dell’avvento di Parma Football School, mentre terminava una bellissima carriera da giocatore nei campionati dilettantistici di vertice.

Manzani poteva seguire Palmieri al Sassuolo oppure accettare diverse proposte in altri club di categorie superiori alla Serie D.

E’ uno dei tanti che, però, ha deciso di rimanere uno di noi.

Sacrificandosi per la causa Crociata con una scelta di cuore. Sposando l’idea di calcio che lui ha assorbito da ragazzo, insegnato da adulto, organizzato con competenza e discrezione da serio professionista.

Uomo da #noisiamoparma

Parma, 30 Luglio 2015

© 2012 Settore Crociato Parma | Privacy Policy

Scorri in cima